La ricercatrice bresciana Barbara Poli annuncia la nascita della crema realizzata scientificamente in base al film idrolipidico della pelle di ognuno. “L’ho chiamata OH!, è la rivoluzione democratica del beauty.

Ogni donna a casa potrà crearsi il trattamento personale dopo essersi fatta da sola il test”. L’idea sarà presentata alla Experience Lab di Esxence, la fiera dei profumieri artistici.

Tutto sta nel trovare la crema perfetta per il film idrolipidico della pelle. Detta in altri modi: tutti dovremmo sapere esattamente conoscere la nostra pelle, così da utilizzare una crema da pelle secca, mista o grassa. Per la beauty routine è fondamentale, ma spesso si va ad intuito.

La risposta scientifica al dilemma arriva dal Bresciano, precisamente da Barbara Poli. Scienziata, manager, profonda conoscitrice della chimica e visionaria delle beauty experience, ha fondato la Polí – Scientific Beauty a Muscoline.

È lei a presentare l’algoritmo che ha elaborato in sette anni di studi, un calcolo matematico che parte da una strumentazione scientifica che analizza la pelle e finisce con un composto di sostanze personalizzato che si adatta perfettamente ad ogni persona.

Un test che non si basa sullo stress ossidativo, spesso fallace perché collegato all’invecchiamento della pelle, bensì sull’analisi dell’idratazione oggettiva.

“Abbiamo definito l’esistenza di cinque skin type differenti, in base alla tipologia di pelle”, spiega Poli. “Dopo, abbiamo progettato un algoritmo che definisce gli elementi che servono alla pelle in base alla sua percentuale di lipidi e di sostanze idratanti.

Una volta definito il valore esatto, consegniamo due boccettine di “siero crema” dai quali prendere quattro gocce per trasformarli nel prodotto personalizzato. La crema così creata può essere usata di mattino e di sera, ma il suo utilizzo può essere esteso a tutta la beauty routine, perché può fungere anche da siero, contorno occhi, maschera e scrub”.

L’innovazione che propone Polí – Scientific Beauty si chiama “OH!” ed è stata selezionata per la Experience Lab, fiera dedicata alle creme all’interno di Esxence, la fiera dei profumieri artistici alla quale parteciperanno, nella prossima edizione del marzo 2022, solo 40 aziende selezionate da una severa giuria.

Due creme da miscelare a gocce e lo strumento per realizzare lo skintest, il futuro della beauty routine passa da qui, usando due boccettine (che Poli ha ribattezzato di “siero crema”) dalle quali prendere quattro gocce che, unite, diventano la tua crema personalizzata.

È questo l’ultimo risultato di una vita, quella di Poli, spesa a formulare la miglior crema secondo quattro principi. Perché dopo i sette anni spesi ad elaborare l’algoritmo, ce ne sono voluti altri 13 di test per portarlo alla sua perfezione.

“Innanzitutto garantisco la concentrazione efficace d’uso”, dice. “Investo per garantire in ogni prodotto la presenza di principio attivo nella quantità che assicura la massima efficacia, il principio attivo è fondamentale. Poi utilizzo solo materie sebosimili, ossia con sostanze già presenti nella pelle: ciò garantisce assorbimento perfetto e il fatto che già durante un normale ciclo di crescita cellulare di 28 giorni si possano vedere i primi risultati. I profumi sono poi tutti senza allergeni.

Infine, la sicurezza è totale: ho la qualifica di valutatrice della sicurezza nella cosmetica. Scelgo io le materie prime, so che non posso mettere a rischio la salute dei miei clienti”.

Va infine evidenziata l’anima green di Polí – Scientific Beauty, che da sempre ama l’essenza, investe in qualità e combatte gli sprechi: per questo non investe in packaging costosi. Questa scelta permette a Polí di presentare prodotti di alta cosmesi a prezzi accessibili e di sposare una politica di eco-sostenibilità, evitando perciò lo spreco di materiali per la realizzazione di astucci o confezioni non necessarie. “Il mio fine ultimo è democratizzare la cosmetica”, conclude Poli.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *